Benvenuti a Campegine

25 APRILE 2020 – VIDEOMESSAGGIO DEL SINDACO

Nell’ambito delle manifestazioni in occasione del 75° della Liberazione, il videomessaggo del Sindaco di Campegine Avv. Giuseppe Artioli

COMUNE DI CAMPEGINE

25 APRILE 2020 – 75° DELLA LIBERAZIONE

Nell’ambito delle celebrazioni del 75° della Liberazione la Giunta ha deliberato l’intenzione di intestare aree pubbliche a due nostri giovani concittadini Caduti per la Libertà nel 1944 sulle montagne dell’Appennino Tosco-Emiliano: Faliero Fornaciari e Ivo Lambruschi. Entrambi ventenni, provando sempre più avversione al fascismo, decisero di intraprendere la lotta di Liberazione nella formazione militare 36a Brigata Bianconcini Garibaldi.

Ivo Lambruschi

Ivo Lambruschi Partecipò alla battaglia di Capanna Marcone dell’11 agosto 1944. Non avendo udito l’ordine di ripiegamento, si portò sul crinale e, scorto un suo compagno, ferito gravemente, cercò di soccorrerlo. Nonostante il reiterato invito di quest’ultimo perché si ponesse in salvo, non volle abbandonarlo. Catturato da una pattuglia tedesca in esplorazione, venne disarmato e trascinato via. Dopo essere stato seviziato, fu ucciso il 20 o il 27 agosto 1944 (data incerta) a Moscheta (Firenzuola – FI).

Faliero Fornaciari militò nella 36a brigata Bianconcini Garibaldi. Prese parte ai combattimenti di Ca’ di Guzzo del 27 settembre 1944 nel corso dei quali rimase ferito mentre, con un gruppo di partigiani, cercava di contenere la pressione tedesca per consentire ai compagni della brigata di porsi in salvo. Catturato dai tedeschi venne ucciso il 28 settembre 1944.

A 75 anni dalla fine di quella sanguinosa guerra, possiamo dire che il sacrificio di questi giovani non sia stato vano, è infatti anche grazie a loro se oggi godiamo della Libertà, di pensiero, di parola, di confronto… E per ringraziarli non possiamo fare altro che ricordarli per sempre attraverso l’abbraccio della loro comunità, intitolandogli uno spazio pubblico, in modo che chi non conosce la loro storia possa chiedersi in futuro: chi erano Ivo Lambruschi e Faliero Fornaciari? E in modo indelebile possano così tutti leggere che furono eroi, che hanno combattuto per ridonare a tutti la Libertà.

Scrivi un commento

Register

You don't have permission to register